Document Actions

Biografia

Giorgio Vasari, figlio di vasaio, naque ad Arezzo nel 1511. Dopo una prima formazione artistica maturata nella sua città natale, tredicenne, egli giunge a Firenze grazie alla mediazione del cardinale Silvio Passerini, a quel tempo precettore in casa Medici; e lì, insieme ai figli dei Medici Alessandro e Ippolito, egli fu istruito: parallelamente alla formazione umanistica acquisisce anche quella artistica, frequentando le botteghe del pittore Andrea del Sarto e dello scultore Baccio Bandinelli. Trascorsi i soggiorni ad Arezzo, Pisa e Bologna, nel 1532, egli entra a servizio dei Medici; nello stesso anno compie il suo primo viaggio a Roma dove oltre all’arte antica egli studia anche le opere degli artisti contemporanei. Michelangelo, in particolar modo, divenne per Vasari un modello ammirato per tutta la vita. In seguito alla violenta morte del suo mecenate, il duca Alessandro de’Medici, occorsa nel 1537, Vasari lavorerà, negli anni a seguire, per lo più fuori Firenze. Nel 1555 soltanto, egli fa ritorno, definitivamente, nella città sull’Arno dove il duca Cosimo I. de’Medici gli commissiona importanti opere tese all’autocelebrazione principesca, come ad esempio la ristrutturazione e la decorazione pittorica del Palazzo Vecchio o l’edificazione degli Uffizi. Con queste, e numerose altre commissioni, Vasari diventa, rapidamente, l’artista più importante nella produzione artistica fiorentina. Quando nel 1574, a Firenze muore, egli si era fatto un nome non soltanto come pittore e architetto, ma anche come biografo e teorico dell’arte. Nel 1550 erano apparse le sue „Vite de’ più celebri pittori, scultori e architetti“ e nel 1568 seguirà una seconda edizione ampliata. Quest’opera, che fino ad oggi ha goduto di grande fortuna critica, frutterà a Vasari la fama di padre della storiografia artistica moderna.

No albums or photos uploaded yet.